Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

La capacità di sentire intensamente


Nel mondo moderno, in mezzo a tanti problemi, si perde la capacità di sentire intensamente. Quando parlo di sentire, non mi riferisco a sentimenti, a emozioni o ad uno stato di eccitazione, ma ad una qualità di percezione che semplicemente ascolta il canto di un uccello o guarda il muoversi di una foglia, illuminata dal sole. Con tutti i problemi che abbiamo, è molto difficile per noi sentire intensamente, andare in profondità. Trasformiamo in un problema tutto quello che tocchiamo. E sembra che i problemi degli esseri umani non debbano mai finire. Ci manca la capacità di risolverli, perché a mano a mano che aumentano i problemi, diminuisce la sensibilità con cui dovremmo affrontarli.

Quando parlo di sensibilità, intendo il percepire le curve di un ramo, il vedere lo squallore e la sporcizia di una strada, l’accorgersi del dolore di un’altra persona, l’estasiarsi di fronte a un tramonto. Tutto questo non ha nulla a che fare col sentimento, con l’emozione. Emozioni e sentimenti sfociano nel sentimentalismo, che diventa crudeltà. E la società se ne serve. Chi vive nella sensazione, nel sentimento, finisce per diventare schiavo della società. È necessario che il sentire sia straordinariamente intenso; bisogna sentire la bellezza, bisogna sentire la sonorità di una parola, il silenzio tra due parole, la chiarezza di un suono. Ci deve essere grande intensità nel sentire, perché questa dona alla mente una straordinaria sensibilità.

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics