Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

La memoria non è una cosa viva


Che cos’è il pensiero? Quando pensate? Ovviamente il pensiero è una reazione neurologica o psicologica. Nasce come reazione immediata ad una sensazione oppure e la reazione psicologica della memoria. Ad una sensazione fa seguito la reazione immediata del sistema nervoso e la reazione psicologica della memoria, costituita dal condizionamento razziale, dal condizionamento del gruppo di appartenenza, del guru, della famiglia, della tradizione. Quello che chiamate pensiero è tutto questo; è un processo strettamente connesso alla reazione della memoria. Se non ci fosse la memoria, non avreste pensieri; la reazione della memoria ad una determinata esperienza, mette in azione il processo del pensiero.

Allora, che cos’è la memoria? Se osservate come funziona e come si costituisce in voi, vi accorgerete che possiede un aspetto tecnico, essendo costituita da informazioni di ingegneria, di matematica o di fisica, oppure possiede un aspetto psicologico: e costituita cioè dai residui di un’esperienza incompleta, non portata a termine. Osservate la vostra memoria e ve ne accorgerete. Quando fate fino in fondo un’esperienza, non rimane alcun residuo psicologico. Ma se non capite a fondo l’esperienza che fate, se la vivete attraverso lo schermo del passato, se non la vivete come qualcosa di assolutamente nuovo, allora quell’esperienza lascia in voi un residuo e questo residuo condizionerà e limiterà ogni altra vostra esperienza.

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics