Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

La radice della paura


La bramosia di diventare qualcosa, di essere qualcuno, di ottenere un risultato, porta con sé la paura e obbliga a dipendere. La totale assenza di paura non comporta alcuna negazione, non è l’opposto della paura e non è nemmeno coraggio. La paura finisce quando se ne comprende la causa, ma questo non significa diventare coraggiosi, perché nel divenire c’è il seme della paura. La dipendenza dalle cose, dalle persone, dalle idee porta sempre con sé la paura. La dipendenza proviene dall’ignoranza, dalla povertà interiore, dalla mancanza di autoconoscenza. La paura riempie di incertezza la mente e il cuore, impedisce di comunicare e di capire. Se siamo consapevoli di noi stessi, cominciamo a scoprire e a capire la causa della paura, che non è soltanto superficiale, ma che si annida e si accumula nelle profondità di noi stessi.

C’è una paura congenita e una paura acquisita. La paura è legata al passato e il passato deve essere capito attraverso il presente; solo così la mente e il cuore possono liberarsi dalla paura. Il passato vuole sempre generare un presente nel quale l’io e il “mio” possano continuare. E l’io è la radice di tutta quanta la paura.

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics