Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

La sofferenza è una parola o un fatto?


La sofferenza è una parola o un fatto? Quando la sofferenza è un fatto, la parola non serve; c’è solo una sensazione molto dolorosa. A che cosa è collegata questa sensazione? A un’immagine, a un’esperienza, a quello che avete o che non avete. Per voi il piacere è avere quello che volete, mentre il dolore è non poter ottenere quello che volete. Quindi il dolore, la sofferenza, sono sempre legati a qualcosa. Ma allora il dolore e un fatto o e il risultato di un processo mentale? Per esempio, la paura non può esistere per conto proprio, è sempre legata a qualcosa: a una persona, a un incidente, a una sensazione. Vi rendete conto di soffrire. Ma questa sofferenza è separata da voi e la osservate come se fosse là, fuori di voi, oppure voi siete sofferenza?

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics