Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

Lo specchio della relazione


Non ci sono formule che portino alla conoscenza di voi stessi. Potete andare da uno psicologo o da uno psicanalista sperando di scoprire qualcosa che riguardi voi stessi, ma quello che verrete a sapere non sarà mai autoconoscenza. La conoscenza di noi stessi affiora quando siamo consapevoli delle nostre relazioni nelle quali ci riveliamo per quello che siamo, di momento in momento. La relazione è uno specchio nel quale ci vediamo come effettivamente siamo. Ma la maggior parte di noi non sopporta di vedersi per quello che è; così immediatamente cominciamo a condannare o a giustificare quello che vediamo. Giudichiamo, valutiamo, confrontiamo, neghiamo o accettiamo, ma non osserviamo mai sul serio quello che è. Questa sembra essere la cosa più difficile e tuttavia è l’unica che ci consenta di accostarci alla conoscenza di noi stessi. Se saremo capaci di vederci come siamo in quello specchio straordinario che è la relazione, uno specchio che non deforma quello che riflette, se saremo in grado di guardare in questo specchio con tutta la nostra attenzione per vedere davvero quello che e, per renderci conto di quello che vediamo senza condannare, giudicare o confrontare, allora scopriremo che la mente e capace di liberarsi da qualsiasi condizionamento. Ed è solo allora che la mente sarà libera di scoprire quello che è al di là del pensiero.

In fondo la mente, poco o tanto istruita che sia, è limitata, è condizionata e questo condizionamento, che può essere a livello conscio o a livello inconscio, rimane pur sempre nel campo del pensiero. Quindi la libertà e qualcosa di completamente diverso.

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics