Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

Non c’è risposta all’ insoddisfazione


Che cosa non ci soddisfa? Non siamo affatto contenti di come stanno le cose, che si tratti dell’ordine sociale, delle nostre relazioni o di quello che siamo. Non ci soddisfa quello che siamo, cioè non ci soddisfano i pensieri, le ambizioni che abbiamo, le frustrazioni a cui andiamo incontro, le infinite paure che proviamo. E allontanandoci da tutto questo, crediamo di risolvere la nostra scontentezza. Così siamo sempre in cerca di un modo, di un sistema per cambiare quello che è. È questo che interessa alla nostra mente. Se non sono soddisfatto, la mia mente cercherà di trovare soddisfazione. Farà di tutto per trovare qualcosa che la soddisfi. Questo però significa che non sono più in contatto con la mia scontentezza, che mi assale e mi brucia dentro, così noi non scopriamo mai che cosa c’è dietro questa scontentezza. Tutto quello che ci interessa e andare via, allontanarci da quel fuoco, da quell’angoscia bruciante...

È difficilissimo che la nostra mente riesca a stare con quello che è, perché quello che è non la soddisfa. Così la mente cerca sempre di trasformarlo in qualcos’altro. È questo atteggiamento che mette in moto il processo del confronto, della giustificazione, dell’accettazione o della condanna. Se osservate come funziona la vostra mente, vedrete che appena si trova di fronte a quello che è comincia a condannarlo, a giustificarlo, a confrontarlo con quello che dovrebbe essere. Non vuole averci a che fare: preferisce evitare quello che la disturba, che la fa soffrire, che la mette in ansia.

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics