Suggerimento
Subscribe to the Subscribe
And/or subscribe to the Daily Meditation Newsletter (Many languages)

Meditazioni quotidiane con Krishnamurti


pixabay.com

Una mente innocente


La verità, il vero Dio – il vero Dio, non il Dio inventato dal’uomo – non vuole una mente distrutta, ottusa, superficiale, ristretta, limitata. Per cogliere il valore della verità serve una mente sana, una mente ricca, ricca non di conoscenza ma di innocenza. Ci vuole una mente che l’esperienza non sia riuscita ad intaccare, una mente che sia libera dal tempo. Gli dei che vi siete inventati per sentirvi protetti accettano che vi torturiate, accettano una mente che si degrada. Ma la verità non vuole una mente del genere; vuole un essere umano totale, completo, che abbia un cuore stracolmo, terso, pulito, capace di sentire intensamente, capace di vedere la bellezza di un albero, il sorriso di un bambino, l’agonia di una donna che non ha mai potuto nutrirsi a sufficienza.

Dovete avere quella sensibilità straordinaria che vi apre a tutte le cose, agli animali, al gatto che si arrampica su un nuro, allo squallore, alla sporcizia, alla disperazione degli esseri umani che vivono in povertà. La sensibilità che vi serve non è un’emozione che va e viene, ma e un profondo sentire non rivolto a qualcosa in particolare, ma a tutto quello che esiste. È una sensibilità che passa attraverso i vostri nervi, i vostri occhi, il vostro corpo, le vostre orecchie, la vostra voce. Dovete essere pienamente, completamente sensibili in ogni momento. Se non lo siete, non potrà esserci intelligenza. L’intelligenza affiora con la sensibilità e la capacità di osservare.

© 2016 Copyright by Krishnamurti Foundations


                         Diaspora      rss 

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.
Web Statistics